Cerca nel blog

Caricamento in corso...

27 novembre 2012

Pollo cotto al sale con rosmarino e aglio

Ormai è Natale ovunque da più di una settimana.
Viola freme, ogni giorno chiede di fare l'albero, ma non solo, sta già aspettando anche la Befana.
Non sono d'accordo, quest'anno hanno esagerato, e sicuramente il prossimo anno sarà anche peggio.
Nei centri commerciali c'è già la musica natalizia che accompagna i nostri acquisti, alberi, palline e statuine riempiono le vetrine.

A casa mia non si transige, l'8 è il giorno degli addobbi. Solo qualche giorno prima sono concesse la realizzazione dei biscotti per decorare l'albero e alcune prove tecniche in cucina.

E voi cosa ne pensate di queste operazioni commerciali su vasta scala?
Non è che di questo passo ci troveremo a tagliare il panettone sotto l'ombrellone ad Agosto?


Ritornando alla ricetta, oggi ho scelto un particolare metodo di cottura del pollo: quello in forno al sale; infatti, un po' perché in vista delle luculliane mangiate natalizie, un po' perché mio marito, a giorni alterni, è a dieta e dice che mangia solo proteine ho dovuto correre ai ripari e sperimentare nuove strade per rendere meno noioso un piatto come il pollo (bollito, al forno, grigliato.. sempre pollo è... ).









2 kg di sale grosso 
un galletto intero
rosmarino due rametti
3 spicchi di aglio
1 albume

Tritate l'aglio e il rosmarino, montate l'albume a neve ferma e mescolate il tutto con il sale grosso.
Accendete il forno a 200°
In una pirofila capiente versatevi una parte di sale, in modo da creare un letto dove andrete ad adagiarvi il pollo, copritelo con l'altro sale e cuocete per 50 minuti.


Se ti può interessare:






T

15 commenti:

  1. Ti farei un grande applauso.. si, mi trovi d'accordo. In casa mia non entra niente di Natalizio fino all'8 dicembre, come tradizione vuole. Mi infastidisce vedere addobbi ad ottobre, così come le uova di pasqua a fine gennaio!! Basta, così non fanno altro che uccidere lo spirito delle feste. se è Natale tutto l'anno.. che Natale è? Un pollo delizioso, mi piace tantissimo! Davvero! Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro esempio? Gli zaini a giugno.. Mamma che nervi!

      Elimina
  2. ma sai che ho provato il pesce, l'arrosto ma il pollo mai, credo che sia buonissimo. Una ricetta da segnare. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io non ho provato mai l arrosto! Vorrei provare le patate.. Dici che vengono?

      Elimina
  3. Ciao Cara, anche io faccio sempre il pesce ma il pollo mai fatto. Devo proprio provarci, solo che qua prova questo e mo prova quell'altro ,mi sa che a Natale fanno me al sale!

    RispondiElimina
  4. Il pollo al sale lo faccio quando ho tempo di aspettare...ottimo e sopratutto saporito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente la cottura e lunga, ma io ne approfitto sempre x pulire o stirare!!

      Elimina
  5. Ciao, hai proprio ragione..ormai è Natale ovunque, anche nei blog. Devo dire che mi sta contagiando la voglia di addobbi, ma anche per me è tradizione l'8 quindi...aspettiamo.
    Ma sai che ne ho sentito parlare spesso del pollo al sale, addirittura lo faceva mia nonna (parola di mio papà, io non ho ricordi) e lo devo assolutamente provare prima o poi...Un abbraccio, ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non nego di aver comprato già addobbi nuovi, perchè alla fine nn resisto, ma sono tutti nel mobile!!

      Elimina
  6. Una ricetta dietetica ma interessante! Anche in vista del Natale

    RispondiElimina
  7. davvero ottimo! Da provare...

    RispondiElimina
  8. Cara Laura,
    è sempre un piacere leggerti.
    In questa fredda serata dedicata al riposo mi ritaglio un po' di tempo per curiosare tra le tue fantastiche ricette e pubblicazioni.

    Mi ha incuriosito il tuo pensiero sul Natale, che condivido in pieno.

    L'atmosfera che ci circonda mi mette una tristezza infinita perchè mi ha fatto perdere lo spirito del Natale che fino a qualche anno fa mi rendeva felice con l'avvicinarsi di questa ricorrenza.

    Una festa diventata importante più per il consumismo che ci gira intorno piuttosto che per quello che rappresenta realmente. I negozi con le vetrine addobbate, le musiche, i volantini che ci circondano ormai da metà novembre ci fanno perdere la magia di quella che una volta era una ricorrenza attesa con trepidante curiosità e allegria.

    E quindi dico si alla tradizione dell'8 dicembre!!

    Provo a vivere questo periodo ancora come una bambina che crede a Babbo Natale,cercando di non farmi rapire dalla frenesia della corsa all'ultimo acquisto, ma con la voglia di pensare ai miei cari, alla ricerca di doni e dettagli particolari.

    Passando all'aspetto culinario ti dirò che non vedo l'ora di provare la tua ricetta...mentre la leggevo provavo a immaginare ai profumi che riempono la casa nei giorni di festa e mi vengono in mente i molti cenoni pieni di allegria e gioia organizzati con parenti e amici...per cui, anche se è un po' presto, iniziamo a cercare le ricette per le "grandi abbuffate"!!!

    Continua a scriverci come tu sai fare.

    A rileggerti presto,

    Erica.

    RispondiElimina
  9. Cara Laura
    condivido appieno le tue considerazioni relative alle tempistiche natalizie anche se, ti assicuro, io il panettone lo mangerei anche a Ferragosto.
    La ricetta me la segno perché anch'io sono in perenne dieta alternata e, anche se adoro il pollo, per continuare a piacere bisogna anche variare.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, ti risponderò appena possibile!